giovedì 24 ottobre 2013

[Segnalazione]- Eventi Bizzarri, il nuovo romanzo di Luigi Milani e Alexia Bianchini

Ricevo e volentieri pubblico la segnalazione di questa nuova uscita dell'amico Luigi Milani a quattro mani con Alexia Bianchini per i tipi de La Mela Avvelenata.

La casa editrice La Mela Avvelenata è orgogliosa di presentare Eventi Bizzarri, il primo romanzo scritto a quattro mani da un nuova coppia di autori, Alexia Bianchini e Luigi Milani. Si tratta di un romanzo che sfugge alla facili etichette: noir, horror, erotico… Sarà il lettore a giudicare, al di là delle sterili divisioni di genere.
 EVENTI BIZZARRI
Non puoi sfuggire alla tua arte, non puoi sfuggire all’ombra che insegue il tuo passo.

La trama
Daniele Bizzarri, un tempo fascinoso autore di successo, ora alcolista perso e spiantato, si trasferisce dalla capitale in uno squallido paesino del centro Italia. Arroccato in una vecchia casa di campagna piena di spifferi e ragnatele, in fuga dalla ex moglie e dai tanti creditori, è in cerca dell'ispirazione perduta. Tra incontri al calor bianco con le bellezze locali e contatti inquietanti con misteriosi personaggi dediti all'occultismo, lo scrittore non solo non migliorerà la propria situazione personale, ma precipiterà in terribili incubi... 

Se vi siete incuriositi, potete acquistare cliccando qui.
Buona lettura!

lunedì 14 ottobre 2013

[Recensione]- La sentinella del papa di Patrizia Debicke, ovvero il Rinascimento nel segno dell'Ankh

Quando uno nasce sotto una cattiva stella, poi è difficile togliersela di torno. Forse è il caso di Giovanni Burcardo, vescovo e primo cerimoniere pontificio, prima al servizio di papa Borgia e poi al seguito di Giulio II
Anche a causa del suo “Diario”, dove il prelato critica aspramente i costumi disinvolti della casata Borgia, la figura del cerimoniere è rimasta avvolta da un'aura sinistra.
Burcardo. o meglio il suo cadavere, si ritrova nell'incipit del romanzo “La sentinella del papa” (Todaro editore), ultima fatica della scrittrice italo-lussemburghese Patrizia Debicke, romanziera eclettica che vanta una vasta e poliedrica produzione letteraria (tra tutti citiamo L’oro Medici e L’uomo dagli occhi glauchi).
Burcardo, in questo romanzo, è una vittima. Una mattina dell’anno del Signore 1506, sotto il pontificato di Giulio II, il vescovo viene trovato morto ammazzato nel suo palazzetto a piazza Argentina. Accanto a lui, una cortigiana, anche lei barbaramente uccisa. Sul torace del morto è stato inciso un simbolo, che una mano esperta ha disegnato sulla carta velina della pelle dell’anziano cerimoniere. Il simbolo dell’Ankh. Un segno antico, che rimanda a culti pagani. 
il simbolo dell'Ankh, inciso sul cadavere
del vescovo Burcardo
A indagare sull’omicidio viene chiamato Julius von Hertenstein, valoroso soldato ma anche fascinoso uomo di lettere. Nel corso della sua indagine, von Hertenstein riesce a smascherare una congrega di fanatici, dediti a sanguinose messe nere durante le quali vengono sacrificate vergini innocenti. Mentre è sulle tracce degli assassini, la sentinella del papa scopre che un misterioso individuo sta organizzando un attentato ai danni della figlia del pontefice, madonna Felice della Rovere, le cui nozze sono imminenti.
Abituale frequentatrice delle corti rinascimentali, la Debicke ci conduce in una Roma ricostruita con perizia e amore per la Storia. Un affresco straordinariamente vivido, in cui il lettore incontra una carrellata di personaggi di prim’ordine: la scaltra Vannozza Cattanei, la madre del Valentino, la divina Imperia, la più celebre cortigiana del Cinquecento, e anche Michele Corella, il boia di Cesare Borgia, passato poi alla Repubblica di Firenze.
Una lettura impedibile per gli appassionati del genere. 

mercoledì 2 ottobre 2013

[Segnalazione]- Il concorso "Halloween all'italiana" di Letteratura Horror

Il portale Letteratura Horror, ormai diventato un riferimento per moltissimi autori di "genere", lancia il concorso "Halloween all'Italiana". Un progetto che mi sta particolarmente a cuore, per due ottimi motivi. Primo, i migliori racconti verranno inclusi in un'antologia edita da CS edizioni e i proventi delle vendite saranno devoluti alla Biblioteca Nazionale Ciechi.
Secondo motivo per cui ho a cuore questo progetto: mi è stato chiesto di partecipare come "guest star". Potrei mai rifiutare? Per cui, fate come me: cominciate a lambiccarvi il cervello e a buttare giù una storia in "soli" 6000 caratteri.
Di seguito uno stralcio del regolamento, che trovate per intero cliccando qui.

Dopo una lunga attesa ecco a voi il nuovo concorso per racconti inediti di Letteratura Horror “Halloween all'Italiana”. Scrivi il tuo racconto di 6000 battute su Halloween e vinci libri e la pubblicazione sull'ebook “Halloween all'Italiana 2013”! Invia anche la tua illustrazione. Vedi la lista dei racconti giunti in redazione
Come già abbondantemente anticipato sulla nostra Pagina Ufficiale di Facebook, oggetto del prossimo e nuovissimo concorso di Letteratura Horror sarà la festività di Halloween.
Come tutti sappiamo Halloween è una festività che affonda le radici nella cultura celtica e anglosassone (ancora prima anche romana con la festa dei morti chiamata Parentalia), ma che oggi si è diffusa un po' in tutto il mondo anche in Italia dove – come da tradizione cattolica – coincide con un'altra suggestiva festività, ovvero il giorno di Ogni Santi.
Da sempre, quindi, Halloween ha attirato l'attenzione di noi amanti dell'horror.
Noi qui vogliamo creare, però, qualcosa di nuovo e diverso dal solito vogliamo sdoganare questa festa anche come genere letterario, non solo quindi commerciale, e italianizzarla grazie alle vostre storie, ai vostri racconti, al vostro terrore, quello vero, che abbia come oggetto o soggetto o sfondo o quant'altro la notte stregata tra il 31 ottobre e il 1° novembre.